Rinnovabili italiane in discesa, nell’ultimo anno fornito il 36% di elettricità

La pandemia è ancora lontana dal dirsi conclusa, ma le emissioni nazionali di gas serra hanno già ripreso a salire e la quota di energia elettrica coperta dalle fonti rinnovabili – come mostrano i nuovi dati Terna, il gestore della rete nazionale – a scendere.

Se nel corso del 2020 l’apporto delle rinnovabili aveva toccato il 38% della domanda elettrica (e il 20% della domanda totale di energia), nel 2021 si è fermato al 36% su un fabbisogno totale pari a 318,1 miliardi di kWh – un valore sostanzialmente pari a quello registrato nel 2019, era pre-pandemica.

«Le rinnovabili – dettaglia Terna – hanno coperto il 36% della domanda elettrica, anche in questo caso tornando sui volumi del 2019: grazie alle favorevoli condizioni climatiche, che hanno consentito di utilizzare maggiormente gli impianti, la produzione complessiva di eolico e fotovoltaico è stata la più alta di sempre, anche a fronte di un contenuto incremento della potenza installata».

È proprio in questo «contenuto incremento» delle installazioni che sta il problema, soprattutto per un Paese in crisi energetica come il nostro, fortemente dipendente dal gas (40%) importato (95%): se avessimo già raggiunto il target Green deal 2030, cioè 72% di rinnovabili sul mix di generazione elettrica, l’Italia risparmierebbe in bolletta circa 30 miliardi di euro all’anno.

Purtroppo però, come testimonia da ultimo un rapporto Legambiente, l’installazione di nuovi impianti rinnovabili è frenata da una burocrazia farraginosa, ma anche da blocchi da parte di amministrazioni locali e regionali, da comitati Nimby (non nel mio giardino) e Nimto (non nel mio mandato) senza dimenticare il ruolo del ministero della Cultura e delle Sovrintendenze.

Di fatto mentre il clima italiano si surriscalda a velocità più che doppia rispetto alla media globale, gli impianti per ricavare energia dalle fonti rinnovabili avanzano a passo di lumaca almeno dal 2014 e non accennano ad accelerare.

Al contempo, in Europa c’è chi riesce a fare (molto) meglio: i dati aggiornati oggi al 2020 da Eurostat documentano come tra gli Stati membri dell’Ue, oltre il 70% dell’elettricità consumata nel 2020 è stata generata da fonti rinnovabili in Austria (78%) e Svezia (75%), mentre ha superato la metà dell’elettricità consumata anche in Danimarca (65%), Portogallo (58%), Croazia e Lettonia (entrambi 53%).

fonte: http://www.greenreport.it



Categorie:I documenti, Le notizie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: