Incontro di esperti a Pisa sul turismo di massa l’Overtourism” – L’industria turistica internazionale discute nuove strategie per affrontare il problema

Il turismo di massa altera la qualità delle esperienze di viaggio – Non solo le città sovraffollate dai turisti – Sono necessarie soluzioni per far fronte alla crescita del turismo globale – ITB Berlin pubblica esclusivamente dati recenti dal World Travel Monitor® Le destinazioni, che soffrono di spietato sovraffollamento a causa del numero record di visitatori, fanno notizia a livello mondiale sotto la voce “Overtourism”. La resistenza ai turisti sta crescendo, portando a proteste pubbliche da residenti locali e varie azioni da parte delle autorità locali. L’industria internazionale dei viaggi e del turismo deve anche trovare soluzioni per gestire il crescente numero di visitatori senza limitare la crescita. All’inizio di novembre, gli esperti hanno concordato questo aspetto al 25 ° World Travel Monitor® Forum di Pisa. All’evento di settore esclusivo avviato da IPK International e supportato da ITB Berlin, circa 50 esperti di turismo di tutto il mondo hanno presentato le ultime cifre e le tendenze attuali nel settore dei viaggi internazionali.

Uno dei dieci viaggi internazionali influenzati da Overtourism .“Overtourism non ha solo un impatto diretto su destinazioni, monumenti, infrastrutture locali e residenti locali, ma anche sui viaggiatori stessi”, afferma Rolf Freitag. Il CEO di IPK International fa riferimento a un sondaggio rappresentativo condotto da World Travel Monitor® a settembre 2017 tra 29.000 viaggiatori internazionali in 24 paesi in Europa, Asia e nelle Americhe. Questo ha rivelato che circa il 25% dei turisti internazionali ha ritenuto che la loro destinazione fosse stata sovraffollata quest’anno.

Inoltre, il nove percento – equivalente a circa 100 milioni di turisti internazionali – ha affermato che la massa dei visitatori ha avuto un impatto negativo sulla loro esperienza di viaggio. Al 13%, questa impressione era più alta tra le famiglie con bambini e giovani viaggiatori di età inferiore ai 34 anni. Uno sguardo alle regioni d’origine mostra che il 15 per cento degli asiatici ha reagito con maggiore sensibilità alle destinazioni sovraffollate. Al contrario, il nove per cento dei nordamericani e l’otto per cento degli europei hanno dichiarato che la loro esperienza di viaggio è stata ostacolata da un numero eccessivamente elevato di visitatori.

Sono interessati tutti i tipi di vacanze e destinazioni Contrariamente alla percezione pubblica, secondo World Travel Monitor® il turismo di massa non si svolge solo nelle grandi città. Le stazioni sciistiche sono le località turistiche più affollate. Secondo il sondaggio, quasi un viaggiatore su cinque su scala internazionale (19 percento) ha dichiarato che la loro vacanza sugli sport invernali è stata influenzata da “Overtourism”, portando ad esempio lunghi tempi di attesa agli impianti di risalita.  Il fatto che “Overtourism” sia un problema generale e non limitato alle città dimostra che anche altri tipi di vacanze sono influenzati da troppi visitatori. Circa uno su dieci viaggiatori ha descritto che la qualità del loro viaggio di andata e ritorno, crociera, vacanza in città, vacanza al sole e al mare o vacanza rurale era il turismo di massa. Per quanto riguarda le città colpite, Guangzhou (24 percento) è davanti a Shanghai (23 percento) e Pechino (21 percento). Dietro di loro ci sono Amsterdam e Istanbul (19 percento ciascuno) e Barcellona, Firenze e Venezia (entrambi il 18 percento) negli altri luoghi, secondo il World Travel Monitor®.

“L’overtourism fa male alla natura, alla cultura, ai locali e ai turisti. Tuttavia, il turismo globale non ha raggiunto i suoi limiti. Molte destinazioni sarebbero felici di accogliere più visitatori, sia durante l’anno che in bassa stagione. Quindi il turismo non ha problemi di crescita, ma un problema regionale e stagionale, “Freitag ha analizzato i risultati.

Strategie locali con tutte le parti interessate necessarie. Vari esperti del Forum di Pisa hanno sottolineato la necessità per il settore dei viaggi internazionali di lavorare con le destinazioni per lo sviluppo di strategie coordinate per la gestione del sovraurismo. Tali strategie potrebbero concentrarsi su questioni come il controllo della stagionalità e dei flussi di visitatori, la diffusione di benefici turistici quali posti di lavoro e reddito tra le comunità locali, nonché investimenti nelle infrastrutture e la protezione dei beni naturali e culturali del turista.

Esperto di crociere Prof. Dr. med. Dr. Alexis Papathanassis, direttore dell’Istituto per il turismo marittimo di Bremerhaven, ha dichiarato: “L’overtourism è un problema molto locale in certi luoghi in determinati periodi e non sempre in tutto l’ambiente. Il problema non è il rovesciamento in generale, ma una gestione del turismo inadeguata. “Soprattutto, le soluzioni devono essere trovate direttamente nelle destinazioni, ad esempio affrontando la stagionalità e non limitando la domanda, ha richiesto Papathanassis. Ha sottolineato, “Ogni caso è diverso. Non esiste una soluzione universale. ”

Venezia attacca il problema di “Overtourism”. Venezia, che ha appena 55.000 abitanti nel suo nucleo storico, è una delle città sempre più colpite dal sovraffollamento. Valeria Minghetti, direttore della ricerca presso il CISET, il Centro internazionale di studi sull’economia del turismo dell’Università Ca ‘Foscari di Venezia, ha dichiarato a Pisa che il turismo di massa comporta costi molto maggiori dei benefici per la città, tra cui sovraffollamento, inquinamento e aumento dei prezzi. La città italiana ha risposto al sovraffollamento con diverse misure quest’anno. Tra l’altro, alle navi da crociera dovrebbe essere impedito di passare da Piazza San Marco. È stata lanciata l’iniziativa “Enjoy Respect Venice” per i turisti responsabili e sono state inflitte ammende ai visitatori che hanno violato le leggi locali. Minghetti ha fatto altre idee per la discussione. Questi includono una restrizione sul numero di visitatori a Piazza San Marco, una nuova tassa di soggiorno e un’app con informazioni in tempo reale sull’utilizzo. David Ruetz, responsabile ITB di Berlino, ha commentato: “L’overtourism è una grande sfida per l’industria del turismo e del turismo globale, e ovviamente qui sono necessarie nuove soluzioni. Sarà anche l’argomento chiave al congresso ITB di Berlino il prossimo anno in cui gli esperti discuteranno questioni e potenziali soluzioni. ” Oltre alle valutazioni speciali del World Travel Monitor® di IPK International, ITB Berlin pubblicherà ulteriori dati importanti dallo studio di gennaio come parte del “ITB World Travel Trends Report 2017/2018” (i risultati del rapporto dello scorso anno sono disponibili qui ). Il rapporto si basa su risultati e presentazioni recenti del World Travel Monitor® Forum, un esclusivo incontro privilegiato che discute le tendenze attuali nel settore dei viaggi e fa previsioni per lo sviluppo del turismo. I risultati di fine anno del World Travel Monitor®, il più grande studio al mondo sul comportamento di viaggio globale, saranno presentati da IPK International alla ITB Future Day nell’ambito del Congresso ITB di Berlino.

Annunci


Categorie:Le news

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: