Turismo, torna lo shuttle Bologna aeroporto – Ravenna – Cervia, per mettere una toppa alla carenza di treni diretti..

dbregioE’ ripreso da qualche settimana il servizio dello Shuttle RaCe, il bus-navetta che collega direttamente l’aeroporto “Marconi” con le località turistiche di Ravenna e Cervia. Sono confermate quattro corse andata/ritorno giornaliere. L’Osservatorio Europaviva21 in questa occasione pur apprezzando l’iniziativa si occupa delle precarie condizioni condizioni in cui si trovano i collegamenti ferroviari tra Bologna e la Riviera Romagnola ed in particolare del servizio fornito ai Lidi a sud di Ravenna e di Cervia.
Con la crescita degli arrivi turistici per via aerea emerge pesantemente la grave carenza dei servizi di mobilità fra Bologna e la Riviera Romagnola. L’iniziativa assunta da qualche anno grazie alle associazioni di categoria, supportata dagli enti locali, copre però solo parzialmente la mancanza di servizi di mobilità al passo con i tempi (e limitatamente ad una specifica tipologia di arrivi). Infatti il problema di collegamenti ferroviari efficienti rimane irrisolto per tutte le località escluse dall’Alta Velocità.
“Il bacino turistico compreso tra Ravenna e l’area riminese con il capoluogo e con l’Aeroporto Bolognese richiederebbe un trasporto passeggeri senza continui cambi di convoglio, con tanto di attese per le coincidenze e trasbordo di valigie. Il trasporto rapido costiero su ferro, nei programmi regionali da ormai 20 anni, rimane tuttora un miraggio”.
Attualmente (da orario) le corse dirette da Bologna fino a Cervia sono soltanto tre (alle 7,54, alle 14,06, e alle 18,06). In senso inverso la situazione è anche peggiore: sempre solo tre sono le corse senza scalo (alle 7,30, alle 8,59, alle 15,01). Meglio la situazione per i viaggiatori in partenza dalla stazione di Ravenna, ma a parte qualche convoglio inserito qualche mese fa, i tempi di percorrenza sono quasi sempre prossimi alle due ore da Cervia e 1 ora 20 minuti da Ravenna. Ecco quindi la necessità di integrazioni con autobus che, invece dei 9 euro e 30, prezzo del biglietto ferroviario, costerà dai 20 ai 25 euro, per un trasporto su strada soggetto a tempi di percorrenza che si possono immaginare, specie nei week end con i maxi/ingorghi ricorrenti. Il paradosso è che si prevedono fermate a Ravenna, Cervia, Milano Marittima, Lidi di Savio e di Classe che notoriamente sono località già sede di stazioni ferroviarie.
Per quando riguarda i costi è evidente che i bilanci delle amministrazioni locali e della Regione che già comunque sovvenzionano il trasporto pubblico ferroviario e su strada, dovranno indirizzare finanziamenti per sostenere anche quest’ultima soluzione che si è resa necessaria causa il disservizio e la disorganizzazione che regna nel trasporto pubblico locale.

Annunci


Categorie:Dall' Emilia Romagna, Le news

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: