Eliminazione delle monodosi alimentari: Il vademecum a cura dell’Associazione Albergatori e della Provincia di Trento (adottato anche dalla Regione Abruzzo).

Vademecum a cura dell’Associazione Albergatori e della Provincia di Trento (A proposito dell’eliminazione delle monodosi alimentari)

La colazione dei turisti “Il Buffet amico dell’ambiente”

Nel territorio trentino, l’ambiente è una fonte di ricchezza culturale ed economica da tutelare e salvaguardare da possibili degradi. L’uso corretto, sensibile e attento del territorio, porta dei benefici anche al settore turistico. Un paesaggio pulito, appaga le aspettative degli ospiti che ricercano nella vacanza in montagna un momento di svago dalla vita frenetica.

I rifiuti prodotti nelle strutture ricettive turistiche: imballaggi, confezioni di marmellate e dolciumi, bustine di zucchero usate, bottiglie di plastica , ecc., determinano problemi di spazio derivante dal momentaneo stoccaggio interno e si ripercuotono negativamente anche sul nostro ambiente. Ogni singolo operatore può quindi interrogarsi e porsi l’obiettivo di modificare alcuni piccoli gesti quotidiani.

Per mantenere le nostre montagne “pulite” anche le strutture ricettive turistiche possono intervenire direttamente, adottando semplici ma importanti accorgimenti, come l’abbandono dell’uso dei prodotti confezionati in monoporzioni a favore dei prodotti sfusi meno impattanti. (1)

Durante la colazione o nei piccoli buffet, le strutture ricettive turistiche offrono agli ospiti una ricca varietà di prodotti. Quando tali alimenti sono confezionati in monodose, gli involucri residui a fine pasto incidono negativamente sulla gestione dello smaltimento dei rifiuti.

In questo breve e semplice vademecum, che dovrete sempre rapportare e integrare con il vostro piano di autocontrollo H.A.C.C.P, cercheremo di evidenziare come si possa servire ai nostri ospiti una vasta gamma di prodotti, quali: burro, yogurt, formaggi, biscotti, prosciutti e salami, marmellate, cereali, frutta, ecc. in perfetta sicurezza igienico-sanitaria pur mantenendo eleganti e ordinate le vostre tavole riuscendo anche ad aiutare il nostro ambiente.

Con questi piccoli accorgimenti potrete servire ai vostri ospiti una ricca, sana e scenografica, colazione a buffet, senza le confezioni monodose, nel rispetto dell’ambiente e delle norme di riferimento del sistema H.A.C.C.P.- D.Lgs 155/97.

Il sistema H.A.C.C.P e le colazioni

La decisione di adottare il sistema a buffet nelle colazioni, senza l’uso delle confezioni monodose, deve essere analizzato nel vostro piano di autocontrollo, in modo da individuarne le fasi critiche e la gestione corretta.

I vari prodotti, durante la colazione o nei piccoli buffet, vengono esposti in sala per un periodo di circa due ore. E’ sempre necessario conservare gli alimenti alla temperatura appropriata, come previsto dal vostro piano di autocontrollo H.A.C.C.P e proteggerli da ogni forma di inquinamento: polveri, insetti, e ogni altra impurità presente nell’aria, senza dimenticare che, anche gli stessi ospiti e il personale di sala, inavvertitamente, possono toccare con borse e vestiti i cibi esposti.

Riportiamo di seguito, alcune semplici procedure da adottare per essere sicuri di servire alimenti sani e di qualità.

Buone pratiche di comportamento generali

  1. Tutto il personale deve essere formato su come deve avvenire una corretta gestione del buffet.

  2. I prodotti non devono mai essere prelevati a mano; fornite sempre la posateria per ogni alimento; ogni vassoio deve quindi essere sempre corredato da tovaglioli, pinze e tutto l’indispensabile per prelevare correttamente il cibo.

  3. Controllare scrupolosamente la pulizia della posateria durante tutto il servizio;

  4. I contenitori dei prodotti non devono avere una profondità tale da determinare la possibilità che le maniche degli indumenti penetrino nel volume del contenitore e devono sempre essere coperti o protetti;

  5. Il buffet dovrà sempre essere controllato, per valutare possibili azioni o eventi che possano compromettere l’igiene degli alimenti;

  6. Ad ogni azione che sia rischiosa per l’igiene alimentare, il personale di sala dovrà immediatamente intervenire, come previsto dal piano di controllo: se necessario dovranno essere adottate delle azioni correttive e analisi delle procedure.

  7. I prodotti vanno posti sul tavolo del buffet solo al momento della colazione; evitate inutili esposizioni in tempi non necessari: i cibi resteranno così più freschi e saranno più protetti. Se necessario predisponete del personale che possa aiutare gli ospiti;

  8. Assicurare la rintracciabilità dei prodotti: non mescolare mai i lotti, è infatti doveroso poter risalire all’origine degli alimenti.

  9. Sul tavolo “studiare” una dislocazione dei cibi tale che, per prelevare un alimento, il cliente non debba “scavalcarne “ un altro, rischiando così di contaminarlo con gli indumenti;

  10. Cercare sempre di posizionare il tavolo del buffet lontano dalle vie di transito del personale o dagli accessi ad altri servizi, predisponendolo in zone appartate ma che permettano, durante il servizio della colazione, un self service veloce e senza momenti di affollamento vicino alle pietanze.

  11. Esporre piccole quantità ed eventualmente aggiungere altro prodotto solo in un secondo momento su richiesta del cliente, in questo modo avrete meno residui organici.

Scelte tecniche da seguire per evitare le confezioni monodose

Di seguito riportiamo in maniera più dettagliata, alcuni suggerimenti e scelte procedurali, come l’uso di prodotti sfusi, che possono essere seguiti per esporre gli alimenti in tutta sicurezza , riducendo la produzione di rifiuti.

  • Farinacei:

I dolci:

I biscotti secchi e i dolci non facilmente deperibili come ad esempio le crostate, dovranno essere esposti in vetrinette o biscottiere, predisponendo delle pinze per prelevarli.

Il pane:

Ponete il pane in un una zona appartata del tavolo, in questo modo potrete proteggerlo da eventuali esposizioni a polveri o altri agenti.

Predisponete delle pinze per prelevarlo e non congelate mai il pane non utilizzato.

  • Uova, salumi, formaggi e latticini:

Uova: Le uova sode potete esporle in cesti o altri contenitori a temperatura ambiente, data l’alta deperibilità dell’alimento andranno però consumate in giornata.

Formaggi e salumi: Se esponete salumi e formaggi nella colazione a buffet, potete adottare due diverse procedure:

    1. Esposizione per non più di due ore a temperatura ambiente, con impossibilità di riutilizzo del prodotto non consumato;

    2. Esposizione del prodotto a temperatura controllata su placche refrigeranti con possibilità di riutilizzo del prodotto.

a) Esposizione a temperatura ambiente

I cibi deperibili possono essere esposti a temperatura ambiente per un periodo non superiore alle due ore, l’esposizione dovrà sempre avvenire mantenendo gli alimenti coperti per prevenire possibili contaminazioni con agenti estranei. Dopo essere stato esposto a temperatura ambiente il cibo non potrà essere riposto nuovamente in frigo.

b) Esposizione su placche refrigeranti.

Per poter riporre nuovamente i salumi, i formaggi, le creme ed i latticini in genere nel frigo, è necessario conservarli alla temperatura prescritta dal piano di autocontrollo.

Tale temperatura è inferiore a + 4 °C , la bassa temperatura ha lo scopo di evitare lo sviluppo di contaminanti.

Il burro: Anche questo alimento come gli altri latticini deve essere conservato a temperatura inferiore a +4°C.

Per evitare le porzioni monodose è possibile preparare dei “riccioli” di burro.

Esponete piccole quantità in relazione al numero di ospiti presenti in sala, e deponetele in boule con ghiaccio. Per evitare il deposito di impurità dovrete sempre coprire gli alimenti. I riccioli non consumati durante la colazione, se non più gradevoli esteticamente, potrete poi usarli in cucina per altre pietanze.

Lo yogurt: Lo yogurt deve essere conservato a temperatura inferiore a +4°C. Esponetelo in una ciotola con coperchio, attualmente sul mercato sono disponibili dei contenitori appositi refrigeranti e muniti di tappi dosatori. Il prodotto dovrà essere comunque consumato entro breve secondo le indicazioni e le modalità riportate sulla confezione di origine.

  • La Frutta

Frutta fresca:

Disponete la frutta su piattini già lavata e lontano da possibili fonti di contaminazione.

Il müesli e la frutta secca:

I cereali non sono alimenti facilmente deperibili, quindi non è necessario mantenerli a temperature diverse da quella ambiente. Vanno però protetti da polveri e possibili agenti inquinanti, dovete quindi conservarli in vasi con coperchi chiusi, attualmente sul mercato sono disponibili dei contenitori con tappi dosatori.

Frutta sciroppata:

Disponete il prodotto in ciotole munite di coperchio mantenendole ad una temperatura non superiore a +4°C, il prodotto va consumato entro breve secondo le indicazioni riportate sulla confezione di origine. In commercio esistono delle ciotole refrigeranti anche di piccole dimensioni.

Frutta cotta:

Disponete il prodotto in ciotole munite di coperchio mantenendole ad una temperatura non superiore a +4°C. Questo alimento andrà consumato entro la giornata di preparazione. In commercio esistono delle ciotole refrigeranti anche di piccole dimensioni.

  • Zucchero e confetture:

Lo zucchero:

La pratica di servire lo zucchero nelle bustine monodose è ormai diffusa.

Molte bustine non sono di carta ma sono costituite da poliaccoppiati, quindi non è possibile riciclarle e causano inquinamento.

Per evitare di produrre rifiuti, potete servire lo zucchero nelle zuccheriere con tappo dosatore, la tavola resterà così anche più in ordine.

Ricordate però che sono ammesse solo zuccheriere con tappo dosatore, non dovete quindi utilizzare contenitori con coperchio removibile.

Per i dolcificanti potete utilizzare le compresse che solitamente vengono confezionate in dispenser .

Marmellata e miele:

Per evitare le monoporzioni di marmellata potete mettere il prodotto in una ciotola, che deve essere munita di coperchio, il prodotto se non consumato totalmente potrà essere riposto a fine colazione nel frigorifero.

  • L’acqua:

L’acqua:

Spesso durante la colazione i nostri ospiti chiedono dell’acqua. Proponete l’acqua alla spina, servita in brocche che il vostro esercizio può personalizzare, evitando così il consumo di acqua in bottiglia.

Riferimenti normativi e tecnici

Il Regolamento comunitario 852/2004, ad ulteriore specificazione del decreto legislativo 26 maggio 1997 n. 155 di attuazione della direttiva 93/43/CE e della direttiva 96/3/CEE, mira a garantire l’igiene dei prodotti alimentari in corrispondenza di tutte le fasi del processo di produzione “dal campo alla tavola” utilizzando come strumento di supporto per garantire l’osservanza delle norme igieniche e per l’applicazione dei principi del sistema HACCP anche i manuali di corretta prassi operativa.

La scelta di somministrare nella prima colazione prodotti sfusi rispetto alle confezione monodose spetta all’esercente che, nel primo caso, dovrà individuare le soluzioni igieniche più adeguate all’interno delle procedure di autocontrollo adottate nella gestione della propria struttura.

Si richiamano pertanto alcune norme generali riportate nell’allegato al decreto citato relative alla fattispecie oggetto della presente trattazione:

– necessità di tenere a disposizione dell’autorità preposta al controllo un documento contenente l’individuazione, delle fasi critiche (potenziali rischi per gli alimenti, soluzioni adottate, procedure di controllo, riesame periodico delle procedure)

  • requisiti delle apparecchiature/attrezzature che vengono a contatto con gli alimenti:

  1. pulizia e manutenzione tali da garantirne un buono stato di utilizzo;

  2. adatti al contenimento di alimenti.

  • somministrazione di acqua alla spina:

  1. garantire il rispetto delle norme di qualità igienico sanitaria di cui al DPR 24 maggio 1988 n. 236

  2. seguire le indicazioni per il funzionamento, la manutenzione e la pulizia delle apparecchiature come indicato nel libretto di istruzioni

  3. accertarsi che le apparecchiature abbiano il certificato di conformità

  • trattamento degli alimenti:

  1. tutti gli alimenti manipolati devono essere protetti da qualsiasi forma di contaminazione atta a renderli inadatti al consumo umano o nocivi per la salute.

  2. I prodotti finiti, sui quali possono proliferare microrganismi patogeni, o formarsi tossine, devono essere conservati a temperature che non provochino rischi per la sanità pubblica

La direttiva comunitaria 43/93/CEE “igiene dei prodotti alimentari”, recepita con il decreto legislativo n. 155 del 26 maggio 1997 prescrive per le imprese nella loro attività entrano a contatto con gli alimenti sia nel processo produttivo che distributivo e di somministrazione l’instaurazione di una processo di autocontrollo basato sulla metodologia HACCP ( analisi dei rischi e punti critici di controllo) al quale è affidata l’identificazione dei potenziali pericoli, la valutazione della gravità e della probabilità di comparsa, l’individuazione e l’applicazione di procedure di controllo dei punti critici.

Al fine di approcciare la tematica in termini generali, chiari ed accessibili e di fornire un’analisi preventiva e soluzioni quanto più uniformi per gli operatori del settore vengono normalmente adottati due strumenti di particolare utilità:

  • il mansionario dell’autocontrollo igienico-sanitario in cui sono standardizzati i principali punti critici e relativi comportamenti da attuarsi da parte degli operatori;

  • le schede di autocontrollo tenute a disposizione degli organi di vigilanza a dimostrazione di quanto posto in essere dall’impresa a garanzia della salubrità degli alimenti distribuiti.

La somministrazione delle colazioni, da questo punto di vista, rappresenta un segmento dell’attività disciplinata nei mansionari di autocontrollo e comunque dei piani di autocontrollo di cui al citato decreto legislativo e pertanto nel capitolo seguente ci si limita a precisare gli interventi possibili circoscritti alla trattazione in parola, da cui risalta la perfetta compatibilità tra gli impegni di riduzione ed il rispetto delle direttive sanitarie.

1 Vogliamo far notare che questa pratica risulta peraltro conveniente anche dal punto di vista economico


Categorie:I documenti

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: